/ Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen
 / Divergenzen

Martina Stuflesser poliestere, 185 x 185cm

L’architettura del palazzo che ospita l’Astra ha ispirato la realizzazione di Divergenzen. Essa si rispecchia nella sua geometria, nella sua linearità, nei suoi colori. Il ritmo ripetitivo della sequenza rosso-bianco si presenta nelle quattro convergenze triangolari, lasciando supporre che dietro vi si celi qualcosa di sconosciuto; la curiosità dell’osservatore, tuttavia, potrebbe anche indurre allo svelamento.

Martina Stuflesser è nata nel 1953 a Ortisei. Dopo gli studi artistici a Firenze ha lavorato come artista e insegnante di educazione artistica. Dagli anni settanta presenta i suoi lavori in numerose mostre. I suoi lavori, principalmente realizzati con tessuti e nei quali s’intessono la dimensione personale e quella politica, si confrontano con temi come la femminilità e la sostenibilità.

Una collaborazione Astra – Südtiroler Künstlerbund

Astra e il Südtiroler Künstlerbund hanno avviato una cooperazione di lungo periodo in cui le opere d’arte entrano in dialogo con l’architettura e il programma culturale dell’Astra. Le quattro opere in prestito presentate in occasione dell’inaugurazione pongono l’accento sull’architettura, la storia, il presente e il futuro del centro culturale brissinese.

piú eventi

tutti gli eventi